Cari amici, ci sono svariati modi per trascorrere il prezioso tempo libero, nel Salento e questo voi lo sapete benissimo. Cari oziosi compari di lande, stiamo cercando di sperimentare le 50 sfumature di cazzeggio e ci piacerebbe condividere con voi questo piccolo diario che,  seppur imperfetto e per tanti versi limitato, speriamo vi aiuterà a scegliere ove orientare i vostri nasi e le vostre autovetture. Come sempre, a noi piace fare liste, quindi abbiamo scelto 3 fondamentali modi per gozzovigliare e rilassarsi per i prossimi giorni ed eccoli squadernati di seguito.

1 – Le Feste paisane e le Fere, santuari della mendula.

La ricerca di mendule saporite e mustazzoli de qualità, con l’arrivo dei primi freddi, può essere un’attività altrettanto stimolante, della mattutina ricerca di funghi. Inoltre, a noi sembra meno faticosa e dall’esito meno incerto. Quindi, attrezzandoci con un piccolo diario delle feste in cui andare a bracare, lo condividiamo con voi #salentovaghi, certi che come noi, non riuscirete mai a scegliere tra l’amore sincero per il mustazzolo e la passione bruciante per la cupeta.

Sabato 22 e Domenica 23 – La scelta è ardua; abbiamo a che fare con due feste “toppie, toppie“, come direbbe qualche devota nonna.

a TREPUZZI, ci sarà la festa di San Raffaele Arcangiolo, seconda solo alla festa patronale dell’Assunta. All’Arcangelo è dedicato un folto programma religioso, bellissimo fulcro di ogni festa paesana del Salento; programma che prevede, messa solenne, fuochi d’artificio, il concerto bandistico immancabile (Non dimentichiamo l’attenzione, che Trepuzzi ha per il mondo della cassarmonica, con Bande a Sud). La festa sarà coronata domenica mattina dalla tradizionale FIERA (secondo la tradizione si fa risalire a una istituzione di Federico II), che si svolgerà tra le 7 del mattino e le 14.

A NARDÒ si festeggia Santa Maria degli Angeli, con tanto di sbandieratori che fanno svolazzare bandiere a tutto vento, incitati dai tamburi. Gli sbandieratori precedono la processione della Vergine, salutata dai Confratelli della Confraternita e Pia Unione, con centinaia di fazzoletti bianchi. Uno spettacolo pittoresco da non perdere, che anticipa i festeggiamenti civili di domenica, quando saliranno sul palco gli Ajera Mea e accompagneranno con la musica popolare la nostra ricerca di cupeta fumante, tra qualche sosta per assaggiare pettole e caldarroste.

I Santi salentini sono spesso patroni di grandi eventi fieristici, come nel caso di San Vito, cui è dedicata la grande FIERA REGIONALE di ORTELLE (giovedì 20 – domenica 23); un evento dedicato alle mille sfaccettature della cultura del salento, culinaria, artigiana, ambientale, agroalimentare, musicale, artistica. Uno dei prodotti d’eccellenza della fiera è il maiale col marchio Or.Vi., che indica l’allevamento nella zona specifica tra Ortelle e Vignacastrisi. Contestualmente alla fiera infatti, sarà proprio la bestia saporita ad essere festeggiata. Il maiale sarà buonissimo…sape la cupeta!

Scivolando inesorabilmente verso la prossima settimana, ci annotiamo un’altra fiera della tradizione. A SANNICOLA, venerdì 28 e sabato 29, avrà luogo l’antica FIERA di San Simone, che ha una tradizione bicentenaria e, nel ‘700 fu il fulcro del commercio salentino.


2 – A voi piace degustare, ma le sagre iniziano a scarseggiare?

Be’ è vero, non possiamo negarlo, Ottobre non è un mese che il Salento dedica alle sagre, ma qualcosina c’è e non ce la perdiamo

Domenica 23, alle 19;00 il MUST-Lecce apre la stagione enoproiettiva di LùMière – CalicidiCinema, con una magnifica serata in cui potrete assaggiare una gustosa torta e ottimo vino, accompagnati dalle colonne sonore più belle del cinema, suonate dal vivo.

In barba alle vostre convinzioni, la settimana prossima a MELENDUGNO, ci sarà la Sagra della Castagna (venerdì 28 – domenica 29), mentre nei giorni 28, 29 e 30, NARDÒ ospiterà Legumi in Festa, tra incontri, workshop, mostre, musica e bocconi prelibati.


3 – Il freddo va d’accordo…almeno con la cultura!

C’è da organizzarsi per tutta la settimana, questo è certo. Intanto Giovedì 20, Astragali A LECCE ci tira fuori da casa con una imperdibile serata dedicata al Cantico dei Cantici, riscritto in “neosalentino” da Fabio Tolledi e inscenato dallo stesso Tolledi, da Lenia Gadaleta e Roberta Quarta e musicato da Musica Humana Aps. L’ingresso è solo 5 euro, un motivo in più per non mancare. E siamo a Venerdì. Sempre a Lecce, organizzato da Festinamente presso Torre del Parco, Venerdì 21 ci sarà un concerto dedicato alla canzone italiana nelle varie epoche. “Non erano solo canzonette“, dicono loro, anzi suonano (Ingresso libero). Siamo arrivati al finesettimana e, culturalmente parlando, di cose da fare ce ne sono! Sabato 22 ad esempio, al Palazzo Ducale di ALESSANO, alle 19;00 Mario Desiati presenterà “Candore“, il suo ultimo romanzo che racconta la storia di Martino Bux, adolescente ossessionato dalle pornostar, che parte dal Salento per frequentare l’università a Roma, tra i cui notturni vicoli cercherà di appagare il suo desiderio di trasgressione. Un libro privo di moralismi, osceno ma non volgare, saggiamente ironico e candidamente raffinato. La Domenica (23 ottobre)è giorno di passeggiate, quindi noi ci siamo segnate un paio di escursioni interessanti e fruibili anche da beginner e pelandroni. Si fa trekking a Corsano con Dienneavventura (incontro alle 9;15 vicino al Ristorante Oasi – Marina di Corsano – 347.61.05.658); Passeggiata culturale tra Galatina e lo Ionio, con Associazione Terracunta, per una visita alla città e alla Basilica meravigliosa di Santa Caterina d’Alessandria e poi alla Torre cinquecentesca di Santa Caterina di Nardò (ritrovo in Piazza Orsini ore 9;15. contributo 5 euro – info: 328.32.80.483). Altra interessante passeggiata a Soleto, per un viaggio nella Soleto ricca di mistero e magia (appuntamento ore 9;15 sotto la guglia. 320.86.89.221).

Se la mattina preferite sonnecchiare, pensata su misura per voi, a Campi Salentina, passeggiata culturale pomeridiana con le associazioni La Scatola di Latta e La Coorte, che vi guideranno  per chiese e palazzi, a visitare il museo e la biblioteca calasanziani e se vi va, può finire tutto a tarallucci e vino presso La Braceria, che offrirà a soli 13 euro un menù per sfamare voi viandanti. L’appuntamento è alle 16;00 in Piazza Unità d’Italia, a Campi. Se volete gozzovigliare dopo la passeggiata, vi conviene prenotarvi velocemente a questo numero: 327.76.87.082 – Roberta.


XXX – SEGNALIAMO CON LA PENNA ROSSA una cosa straordinaria, che ben presto si verificherà a LECCE, ovvero Sabato 22 e Domenica 23 Ottobre presso Lo Spazio di via Bachelet; un evento che catturerà il nostro occhio vigile e fiammeggiante sull’oscura torre. Non stiamo spaeddhrando…stiamo aspettando trepidanti LA MOSTRA MERCATO DEL FUMETTO E DEL LIBRO!!! C’è altro da dire? No, amici nerd, cosplayer, #salentovaghi del Suprelundar, c’è da ANDARE!

Bene, cari amici #Salentovaghi, come potete notare dai nostri appunti, il Salento non va in letargo. Di cose da fare ce ne sono tante e di vario genere. Camminate, uscite, andate, noi ci sentiamo presto. #StatteTUNED!

Annunci